05/03/09

l’uomo sta fermo ritto accanto al semaforo e ripete le persone non ci
appartengono
le persone non ci appartengono
le persone non ci appartengono
devi lasciarle andare baby é dura ma é così
una ragazza smunta con l’aria di non mangiare da mesi, ha una fascia
sbiadita fra i capelli
se li annoda intorno ai polsi come bracciali
canta sdraiata dall’altra parte del marciapiede
baby un pezzo di tutti ci appartiene
perché io perdo pezzi invece di crescere
ma nei buchi scavati da cui mi mangiano fin nell’interno dei fianchi
mi riempiono in cambio con i loro strappi di sé arrotolati in carta da giornale
amore mio,
io sono il collage, l’innesto delle lamiere fuse coi miei arti durante
tutti gli incidenti d’auto in cui mi sono fatta investire
regolarmente, d’abitudine, attraversando a occhi ciechi la strada che
porta giù in fondo
alla casa dei tuoi occhi stanchi.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...