Archivi tag: Muta

24/09/08

Quando lei decise di diventare un’accessorio, iniziò a farsi portare in giro. Era muta, una molla plastica rigida per spina dorsale, i raggi del sole erano fili che bruciavano infinitesimali buchi sopra la superfice. Era ondulata, lei.
Le strinsero come pendaglio al collo un led luminoso perché vedesse sempre dov’era, le dipinsero la bocca col miele rappreso,colandole sul corpo, la lasciarono al buio, nascosta sotto i tavoli.
Quando lei decise di di diventare un’accessorio fu chiaro che poteva star ore e mesi gettata per terra, le gambe ritte di legno, indifferente al vento, premendo solchi sulla plastica per saper dove far scivolare le lacrime e la pioggia Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Personale/I Me Mine