Archivi tag: Ospite Rabbioso

10/10/13 – Della serie e daje poi torto a Monicelli

Non si parla mai abbastanza di come la speranza sia l’ultima punizione degli Dei dentro il vaso di Pandora scoperchiato, questa fede immotivata figlia della stupidità umana che intrappola l’individuo a un’attesa infinita, che lo priva di ogni dignità mentre Aspetta che il bene trionfi, che l’amore arrivi o ritorni, la finale presa per il culo divina verso esseri risibili e patetici in ginocchio nel pregare con le mani giunte che dio ogni tanto esista davvero, ma sempre e solo per loro, per la loro salvezza, per il loro specialissimo e unico grido di dolore personale che pretende attenzione come risarcimento di questo essere Qui e Ora non richiesto cui non si sfugge.

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

Senza Titolo (quasi la bambola di Hans Bellmer)

3655377361_dfef4a11e0_z
(photo by me)

1 Commento

Archiviato in Immagini

Indifferenza sociale

“Quando si soffre di solitudine, la percezione dell’oppressione rimane muta”
(Susan Griffin)

Lascia un commento

Archiviato in Citazioni, Personale/I Me Mine

Pessimismi

La gente non aspetta, tu non conti.

(non aspettare nemmeno tu)

1 Commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

30/06/08

(stanca)
le stanze della memoria hanno pareti mobili,
che si spostano ad ogni istante
lasciando le linee fragili di ciò che é già andato
cosìcché ogni visitatore possa avere la sensazione,
pur rimanendo immobile,
di star percorrendo un lungo corridoio;
si bussa a un stanza che già si é spostata oltre,
come un gioco di cubi
per smarrirsi in alloggi nuovi o dimenticati
a ritroso nel pensiero. dagli interstizi delle mattonelle arrivano voce confuse,
i riflessi dalle finestre contengono volti che svaniscono come impronte sul vetro
singhiozza il tetto,
si ricostruiscono case andate a pezzi .

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

02/02/13 Sick, sigh

Sabato a letto con mal di gola e tosse. Oh, che vita eccitante.Mammina mi porta a letto la borsa dell’acqua calda e mi taglia a fette tante mele che si scuriscono subito se non le mangio immediatamente. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

Dicevamo, l’insonnia.

Tre giorni di lavoro massacrante e pioggia e ovviamente la sera torni a casa e crolli addormentata. Poi viene il primo giorno della settimana non lavorativo, e tu per festeggiare quel fine settimana in cui non c’avrai un cazzo da fare hai resistito al sonno e ti sei ficcata in una vasca, hai fatto un bagno bollente, ti sei strofinata ogni cm di cellula morta dalla pelle, ti sei incremata, impaccata i capelli e pure fatto una maschera che t’ha pietrificato il viso e ti sei detto, wow, domani posso fare il cazzo che mi pare e manco piove e invece dormi 4 ore. Ti svegli e hai gli occhi sbarrati e non importa quanto ti pulsino le tempie, non dormirai, lo sai già, la stanchezza d’insonnia è sorda, non è gentile come quella dal stare sul punto di addormentarsi. Sei stanca MA non dormi. Nel tuo cervello una parte è rimasta sveglia a pensare, a canticchiare canzoni e se ne sbatte del resto del cranio. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

x/x/05

Quando scopri qualcosa che gli altri non sanno e ci credi ti dicono che sei pazza

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

05/09/08

Il soggetto é assente. Ma si può entrare nella sua stanza, conoscere, contare, gli oggetti che gli appartengono. È vero, un diario segreto, una confessione esplicita renderebbero tutto più facile; ma in mancanza di ciò, cosa si può ancora capire?

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine