Archivi tag: Sogni

Strategie di pubbliche relazioni in caso di caduta meteoriti

L’altro giorno ho sognato che c’era la fine del mondo causa meteoriti. Le televisioni e i giornali sapevano esattamente a che ora sarebbero cadute, e dunque la popolazione poteva godere di un certo preavviso prezioso per decidere come passare gli ultimi minuti.

Ma, problema: se io voglio passare quel che mi rimane della mia vita con i miei cari, che però non sono solo i miei parenti, ma anche persone cui voglio bene, e queste persone però non possono tutte passarlo contemporaneamente con me e con i loro parenti causa impossibile ubiquità e però l’idea di passare la fine del tutto tutti insieme appassionatamente non piace a chi è più riservato e vorrebbe godersi la propria dipartita incenerito dalle piogge di fuoco in rispetto della privacy, allora come si fa? Mi sono svegliata prima di risolvere l’arcano, accidenti.

1 Commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

Incubi

Ho un problema col sonno. Cosa comune, sì. Sono insonne da anni, per motivi mentali e ambientali, cosicché ho sempre un po’ di sonno ovunque, e capita che andando a trovare la gente, mi addormenti da qualche parte. C’era una volta un ragazzo con cui avevo preso anzi proprio questa abitudine: uscivamo con gli amici, andavamo a casa sua, e mentre loro rimanevano in soggiorno a ridere e scherzare lui mi diceva “vai pure”, ed io entravo nella sua stanza e mi infilavo sotto le coperte, per un po’. Un mio amico tuttora talvolta mi chiama solo per andare a dormire da lui: dopo aver parlato un po’ ci abbracciamo stretti sotto le coperte coi corpi incastrati quasi avviluppati, finché io non mi posso più muovere, e lentamente ci addormentiamo. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine

30/04/10

Perché vedi quel che pesa è l’irremovibilità del passato e la paura che una volta perso il bus che porta alla felicità di tutti, quei preziosi banali entuasiasmi e quella leggerezza se non di corpo di volto, non ci possa essere spazio per una felicità personale malgrado tutto e malgrado il passato, qualcosa che possa mettere radici sul nulla degli errori e delle ferite di un’esistente. Che non è nulla ma è tanto qui dentro la mia sola testa.
Perché sono il tipo che se la pagina è scritta male cancella e ricomincia, e così il libro lasciato da parte per troppo tempo, daccapo dal primo capitolo e qui invece non si può. Il passato e il proprio nome sembrano destini a cui non si sfugge, e a me, per perdonare gli errori miei e degli altri e non  consumarmi d’angoscia  basta sapere che posso permettermelo prima o poi, anche malgrado me.
 

Lascia un commento

Archiviato in Personale/I Me Mine